Gennaio 2020: il mese dei bilanci e dei buoni propositi | Michele Canil
17368
post-template-default,single,single-post,postid-17368,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.1,vc_responsive
 

GENNAIO: BILANCI E PROPOSITI

Gennaio 2020 : bilanci e buoni propositi

GENNAIO: BILANCI E PROPOSITI

5
(7)

GENNAIO 2020: IL MESE DEI BILANCI e dei buoni propositi

Intervista per “Albatros Magazine”, gennaio 2020

Gennaio porta con sé riflessioni su quanto fatto nell’anno appena trascorso, e buoni propositi per l’anno nuovo. Quante volte, in questo periodo ci siamo ritrovati a fare un bilancio della nostra vita e a desiderare grandi cambiamenti per il nuovo anno? A parlarcene è il Dott. Michele Canil, nostro esperto in campo di psicologia.

Bilanci e buoni propositi, perché si concentrano sempre in questo periodo dell’anno?

Sin dalla notte dei tempi per l’essere umano il tempo scandisce non solo la giornata o l’anno ma anche un momento metafisico ed inconscio, quello della sorte, del desiderio di cambiamento, della speranza e della superstizione, delle proiezioni future e del rivivere il passato. Dimensioni spazio tempo che appartengono al mondo di pensieri e desideri.
Così, la storia insegna, le scadenze ed i cambi d’anno in ogni cultura mondiale sono veri e propri riti da un lato, propositi e speranze dall’altro.

Quali sono i soggetti più predisposti al fare i bilanci di fine anno?

Solitamente due tipologie di persone, se così vogliamo dire: chi tende a rimandare e procrastinare “l’azione” all’iniziativa di compiere cambiamenti in sé e chi è estremamente attivo nel compierli, e per abitudine ha dimestichezza nel mettere se stesso in “revisione”, ovvero nel fare dei bilanci e porsi nuovi obiettivi in seguito alle considerazioni sui propri risultati.

In sostanza i due poli dello stesso costrutto; da un lato chi si pone obiettivi con ambizione e critica, dall’altro chi evita di porseli e spera nella sorte o nel nuovo anno in modo dogmatico.

Perché troppo spesso chi fa i bilanci li chiude sempre in passivo?

In alcuni casi chi davvero è abituato o sufficientemente consapevole è facilitato nel poter fare bilanci su di sé in quanto allenato a vivere in modo attivo eventuali pensieri di “obiettivi non raggiunti” senza essere annientato dal senso di colpa e dai fallimenti ma, piuttosto, con una buona dose di impegno a fare meglio.

Tutto ciò richiede una sola attitudine: l’ambizione attiva.


Lo psicoanalista Jung, allievo di Freud, scrisse molto a proposito della tipizzazione delle caratteristiche intrapsichiche.

Come evitare di finire nella trappola del bilancio di fine anno?

A dire il vero è difficile non finire nella “trappola”, che talvolta può anche non esserlo in quanto, se volta positivamente, si può trasformare in una vera marcia in più. Sì perchè dare responso a noi stessi in modo autentico può essere un motore attivante. Per chi invece rischia di entrare in un senso di fallimento è consigliabile evitare i bilanci completi, concentrandosi invece su ciò che di positivo ha fatto: ci sarà sempre e comunque qualcosa di buono.

Che ruolo hanno invece i buoni propositi?

Sono fondamentalmente obiettivi, se volessimo tradurli. Obiettivo significa letteralmente “oggetto” e “porre davanti” . Ciò ci rimanda all’impossibilità della vita senza un “porre davanti”, siano essi obiettivi piccoli e quotidiani che alti ed ambiziosi. Pensare di fare meglio su obiettivi troppo distanti, o che abbiamo sempre in fondo evitato, spesso rientra nei buoni propositi che verranno poi trascurati. Il cambiamento non è una promessa futura a se stesso, piuttosto dovrebbe essere un impegno fin da subito con noi stessi.


In fondo il lobo frontale dal punto di vista delle neuroscienze è anche quella parte di noi che ci rende così speciali e capaci di creatività e proiezione del futuro.

BUONI PROPOSITI: E’ positivo farli?

Penso che valga sempre la pena provare a porsi almeno piccoli e raggiungibili obiettivi, la crescita personale e la curiosità sono ossigeno che alimenta i nostri pensieri.

Quali sono le insidie possono nascondersi dietro i buoni propositi?

Possiamo riassumerli così:
-buoni propositi troppo elevati espongono a frustrazione;
-rimandare di anno in anno gli stessi, significa che non stiamo parlando apertamente con noi stessi ma ci stiamo ingannando ed auto-sabotando. Il mito di Sisifo, in altre parole, condannato a trasportare lo stesso masso in salita che ogni volta rotola nuovamente giù;
-non considerare che l’impegno costa anche fatica, non è quindi un augurio da fare a noi stessi ma un rendersi parte attiva se ci crediamo davvero.

Le trappole dei buoni propositi:
“tutto o nulla”, come evitare questa trappola?

Porsi delle fasi intermedie: non si può certo costruire un buon risultato sul tutto o sul nulla, sul bianco o sul nero. Proporsi fasi più piccole e maneggevoli. Un salto di due metri non è praticabile ma 20 scalini da 10 centimetri saranno molto più facili.


“Doverizzazioni”: perché viviamo nella società del devo?

Sono costruzioni di significati che normalmente ereditiamo dai genitori in modo inconsapevole; è necessario individuarli e porli in revisione critica. Se usassimo di più il “potrei” dove possibile, otterremmo molto di più con meno tensioni.

“Focalizzarsi solo sugli aspetti negativi” o sull’impossibilità di compiere il proposito: come evitarlo?

La relazione aiuta e fa evolvere. Nel rapporto con le persone di cui ci fidiamo abbiamo la possibilità di discutere e di confrontarci, oltre che di ricevere un’opinione che può farci riflettere o fungere da spunto per ridimensionare o variare il tipo di proposito.

Esistono dei trucchi da intraprendere per tenere fede ai buoni propositi?

Certo, provare a scriverli tentando di darsi una tempistica concreta nel realizzarli. Inoltre, scrivere a se stessi “come” si vuole realizzarli, ovvero in quale modo fare ciò che si desidera. Via via porsi degli step intermedi e dei punti di controllo per frammentare il risultato finale in tappe intermedie. Sperimentare ci permette di evolvere.

Dott. Michele Canil
Psicologo , Psicoterapeuta
Neuropsicologo, Ipnosi clinica
Perfezionato in Psicofisiologia clinica, Genetica, Nutrizione. Opera nelle città di Vittorio Veneto, Conegliano, Treviso. Il dott. Canil si occupa da molti anni di diagnosi e cura della depressione a Treviso, Conegliano e Vittorio veneto. Oltre a ciò tratta molti disturbi psicosomatici, si occupa di cura dell’ansia e di attacchi di panico e molti altri tipi di disturbi. Opera in strutture ospedaliere ed in studio privato di Psicologia, Psicoterapia e Neuropsicologia.

Trovi utile questo articolo?

Lascia una valutazione

Media voti 5 / 5. Votanti: 7

Nessuna valutazione presente. Lasciala tu per primo

We are sorry that this post was not useful for you!

Let us improve this post!

Tell us how we can improve this post?

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il mio impegno personale è quello di lavorare in stretta collaborazione con i visitatori del sito e con i pazienti del Centro Psicologo Treviso, con una attenzione costante alle esigenze personali di ogni singolo essere umano. Per offrire, sempre, il miglior servizio e i più elevati standard di professionalità.